Come Invecchiare bene e Vivere Felici

Il titolo può sembrare banale e semplice, ma in fondo è quello che si domandano tutti coloro che hanno superato i 40 anni di età. Invecchiare bene, essere sereni, felici e non dimostrare l’età anagrafica che si ha. Chi non lo vorrebbe? Quale è il segreto della felicità?

Da cosa dipende l’invecchiamento

Come invecchiamo dipende al 30% dai nostri geni, dal corredo che ci portiamo dietro dalla nascita, il resto è causato dal nostro stile di vita. Fumo, sedentarietà, lavori usuranti, alimentazione, problemi depressivi influenzano fortemente il nostro stato di salute. Tutto ciò è evidente sulla pelle, sulle rughe.

Perche alcune persone hanno piú rughe di altre?

Dipende anche in questo caso dalla genetica, ma di norma le rughe si notano di piú su un volto magro che su uno “pieno”. Coloro che hanno un colorito della pelle piú chiaro hanno di norma piú rughe di altri, ma questo è anche legato all’ esposizione solare. Fumo e troppi zuccheri influenzano poi la formazione di segni sul volto.

Come si invecchia bene e si vive felici?

non c’è una sola ricetta.  Ormai è scientificamente dimostrato che un ridotto apporto calorico e l’attività fisica permettono di vivere più a lungo in modo sano: in entrambi i casi, infatti, si mette a riposo l’enzima mTOR e si attiva l’AMPK, inducendo l’autofagia, un meccanismo di rigenerazione delle cellule del nostro corpo che eliminano le loro parti danneggiate, rallentando l’invecchiamento.

invecchiare bene

Così si risincronizzano anche gli orologi biologici cellulari, riequilibrando tutto l’organismo. E infatti, più che di riduzione protratta delle calorie (difficile da gestire) oggi si consiglia il digiuno intermittente o ciclico, il cronofasting integrato, sotto la guida dello specialista: gli ultimi studi hanno sperimentato positivamente due opzioni:

  • mangiare per 2 giorni a settimana solo verdure con poco olio e anticipare sempre l’ora della cena in modo da avere un più lungo digiuno notturno,
  • seguire una dieta molto vicina al digiuno per 5 giorni, ogni 3-6 mesi.
  • L’attività fisica deve essere regolare e moderata: ottimi i classici 10mila passi al giorno. Con il movimento e il digiuno intermittente aumenta anche la proteina BDNF che mantiene giovane il cervello favorendo la formazione di nuovi neuroni.

Siamo quelli che mangiamo

Ne sono convinti alcuni esperti che stanno studiando l’alimentazione di alcuni ultracentenari che guarda caso sono concentrati in due isole:

  • la Sardegna
  • Okinawa in Giappone.
  • Qui in pochi soffrono di sono malattie come cancro, Alzheimer.

Interessante il servizio di Nadia Toffa de le “Iene” del 19 ottobre 21015 che li ha intervistati. Una dieta ricca di pesce, riso integrale, soia e tanta verdura, manche patate dolci, ricchi anti ossidanti. Bisogna saziarsi all’ 80%, utilizzare porzioni piccole di diversi tipi di cibo. Utilizzano molte alghe, poca carne (maiale), molto te’ verde. Poca frutta considerata un lusso.

Intorno ai 40 anni si va incontro anche a un calo della produzione di buona parte degli ormoni (in particolare quelli sessuali, i loro precursori come il DHEA e il pregnenolone, la melatonina, quelli tiroidei e l’ormone della crescita) e a un aumento di altri (come il cortisolo) e quindi a uno squilibrio generale. Puoi ristabilire l’assetto ormonale, tornando a quello giovanile, assumendo ormoni bioidentici, cioè sintetici ma ottenuti da molecole vegetali e resi uguali a quelli del nostro corpo, per potenziarne i benefici e ridurne gli effetti collaterali. Non è la terapia sostitutiva: ti viene prescritto un mix personalizzato, a dosi fisiologiche, cioè quelle che l’organismo giovane produce normalmente ogni giorno, per circa 3-6 mesi. Poi ripeti gli esami.

Libri Utili per Aiutarci a vivere felici contrastando l’invecchiamento

Vi invitiamo a leggere questi che secondo noi sono i migliori libri in circolazione per vivere felici e contrastare l’invecchiamento.

The China study. Lo studio più completo sull’alimentazione mai condotto finora: uno studio durato 27 anni sull’ alimentazione, la correlazione tra cibo e malattia. Lo studio punta il sito soprattutto contro latte e carne.

Mangiar sano e naturale con alimenti vegetali e integrali. Manuale di consapevolezza alimentare per tutti: altro libro molto apprezzato su alimentazione e benessere, come migliorare le proprie prestazioni fisiche e mentali con il cibo.

Metodo mindfulness. 56 giorni alla felicità: visto che la felicità ed il buon invecchiamento passa attraverso il nostro cervello eccon un metodo per raggiungere la piena “consapevolezza” in meno di due mesi con esercizi da fare quotidianamente.

Qui e ora. Strategie quotidiane di mindfulness: “carpe diem” cogliere l’attimo, è quello che insegnano filosofi e saggi, bisogna ricordarsi di vivere il momento, il passato è andato, sul futuro non abbiamo molto controllo, sul presente sì, possiamo decidere noi come vivere la giornata.

Come migliorare il proprio stato mentale, fisico e finanziario. Manuale di psicologia del cambiamento: Anthony Robbins è famoso in tutto il mondo, chiamatelo motivatore, life coach o quello che volete, il suo libro è semplice, motivante ed altrettanto interessante per chi è in cerca di nuovi stimoli, anche in campo lavoratico.

CONDIVEDETE IL PIU’ POSSIBILE QUESTO ARTICOLO E FATE TESORO DEI CONSIGLI, INIZIATE DA SUBITO!

Facebook Comments
Se ti è piaciuto Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone